top of page

Dopo l'intimazione di pagamento cosa succede?

Aggiornamento: 31 dic 2023

In questo post ti spiego cosa è l'intimazione di pagamento e quali rischi corri dopo che ti è stata notificata ...

dopo l' intimazione di pagamento cosa succede? in questo post ti rispondo...

L'Agenzia delle Entrate Riscossione Ti ha notificato un' intimazione di pagamento ? e ora sei preoccupato di quello che potrà accadere ? Magari hai paura che l'Agenzia delle Entrate Riscossione (cioè la vecchia Equitalia) ti pignori un conto corrente o lo stipendio oppure che iscriva un'ipoteca sulla tua casa....


In questo post vediamo insieme perché non è corretto che la ricezione di un' intimazione di pagamento generi questi timori.


E comunque se al termine della lettura ti dovessero rimanere dei dubbi potrai richiederci una pre-analisi gratuita e personalizzata della tua specifica situazione.


Se ti interessa l'argomento continua a leggere!


INDICE DI TRATTAZIONE


1. Cos'è un'intimazione di pagamento?

Un'intimazione di pagamento è un atto formale emesso dall'Agenzia delle Entrate Riscossione (ossia la vecchia Equitalia) e disciplinato dall'art. 50 del DPR n. 602/73.


L'intimazione viene notificata al debitore quando l'esecuzione forzata (per esempio: il pignoramento dello stipendio o della macchina) non è ancora iniziata trascorso un anno dalla notifica dell'avviso di accertamento esecutivo oppure della cartella esattoriale (atti questi che precedono l'intimazione di pagamento).


Nella sostanza l'intimazione di pagamento serve a sollecitare il debitore ad adempiere all'obbligazione di pagamento entro un determinato termine.


2. Termini per il pagamento

Conformemente alla normativa vigente, con l'intimazione di pagamento il debitore viene intimato a pagare l'importo dovuto entro cinque giorni dalla ricezione dell'intimazione.



3. La notifica dell'intimazione di pagamento rende il contribuente moroso?

Assolutamente no: l'intimazione di pagamento non rende moroso il contribuente; da essa cioè non consegue l'applicazione di interessi di mora a carico del contribuente debitore.

Questo, è importante precisare, perché il debitore quando riceve la notifica dell'intimazione di pagamento è moroso già da molto tempo prima; a suo danno perciò già da tempo stanno maturando gli interessi di mora e, precisamente, dalla scadenza di sessanta giorni dalla notifica della cartella esattoriale o, comunque, dalla scadenza del termine per presentare ricorso nel caso in cui il titolo sia costituito da un avviso di accertamento esecutivo.


Sotto questo profilo, perciò, e per rispondere alla domanda " cosa succede se non si paga l'intimazione di pagamento ? " può dirsi che se non entro i 5 giorni il debitore non paga il debito indicato nell'intimazione niente cambia quanto agli interessi di mora poiché questi, come detto, erano già dovuti dapprima.


4. La notifica dell'intimazione di pagamento peggiora la situazione del contribuente rendendolo destinatario di azioni esecutive o cautelari ?

No. Una volta che il debitore ha ricevuto dall'Agenzia delle Entrate Riscossione la notifica dell'intimazione di pagamento la sua situazione non peggiora rispetto a prima.


Infatti, già prima di ricevere l'intimazione di pagamento l'Agenzia delle Entrate Riscossione a carico del debitore poteva pignorare il conto corrente o lo stipendio o addirittura un immobile (diverso dalla prima casa) o, ancora, poteva iscrivere un fermo amministrativo su un veicolo o, infine, iscrivere un'ipoteca sulla casa.


Anche sotto questo profilo, perciò, e per rispondere alla domanda " cosa succede se non si paga l'intimazione di pagamento ? ",  può dirsi che se non entro i 5 giorni il debitore non paga il debito indicato nell'intimazione niente quanto al rischio di essere assoggettato ad azioni esecutive o cautelari posto che questo rischio sussisteva già dapprima.


esecuzione forzata agenzia delle entrate entro 5 giorni, è possibile? si

5. Quale è l'effetto dell'intimazione di pagamento sulla prescrizione?

L'intimazione di pagamento ha l'effetto di interrompere la prescrizione del debito. La durata della prescrizione varia a seconda del tipo di tributo (di solito, la prescrizione per i tributi erariali è di dieci anni, mentre per le sanzioni, gli interessi e i tributi locali è di cinque anni). Quindi una volta ricevuta un'intimazione di pagamento di fatto il predetto termine inizia a decorrere nuovamente.


6. Durata dell'intimazione di pagamento

L'intimazione ha una validità di un anno; ciò significa che se, nell'anno successivo alla sua notifica, non viene eseguita alcuna azione di pignoramento, l'Agenzia delle Entrate Riscossione deve procedere con una nuova notifica dell'intimazione per poter procedere con l'esecuzione forzata.


7. Difesa del contribuente

Il contribuente ha il diritto di impugnare l'intimazione di pagamento davanti all'autorità giudiziaria. Tuttavia, è importante notare che le possibilità di difesa del contribuente sono spesso limitate. Molti vizi di forma che potrebbero invalidare l'intimazione sono considerati semplici irregolarità dalla giurisprudenza. Ad esempio, la mancanza di firma o l'omissione del responsabile del procedimento sono considerati vizi di forma, ma non invalidano l'intimazione stessa. I vizi più importanti e rilevanti che il contribuente può far valere quanto impugna l'intimazione di pagamento, e che effettivamente possono determinare il venir meno del debito, sono: 1) l'estinzione del debito per intervenuta prescrizione oppure 2) l'omessa notifica dell'atto presupposto (come la cartella di pagamento o l'accertamento esecutivo).

L'intimazione di pagamento agenzia delle entrate è pericolosa, vediamo insieme cosa fare...

8. Conclusioni

In definitiva, e come sopra ti ho già accennato, l'intimazione di pagamento è un atto che quando viene notificato non peggiora la situazione in cui si trova il debitore.


Quando il debitore riceve l'intimazione di pagamento, infatti, si trova già in una situazione difficile nella quale maturano a suo danno gli interessi di mora e nella quale rischia già di essere assoggettato a pignoramenti, fermi amministrativi ed ipoteche da parte dell'Agenzia delle Entrate Riscossione; in questo senso si può tranquillamente affermare che la ricezione di un'intimazione di pagamento non peggiora la situazione (che è già difficile) in cui si trova il debitore; l'unico vero effetto dell'intimazione di pagamento, perciò, è quello di interrompere i termini di prescrizione.


Se hai ricevuto un'intimazione di pagamento e vuoi avere una visione a 360° di quelle che sono le scelte che puoi compiere, Ti lascio al link ad uno specifico post che ho fatto sull'argomento.


Ti ricordo anche che se hai ricevuto un'intimazione di pagamento e hai bisogno di assistenza per decidere quale è la migliore opzione nel tuo caso specifico puoi richiederci una pre-analisi gratuita cliccando su questo link.


Come sempre spero che questo post ti sia stato d’aiuto e di averti fornito qualche parametro concreto che possa aiutarti nel compiere le tue valutazioni.


Infine se ti è rimasto qualche dubbio o hai bisogno di qualche chiarimento mi puoi scrivere nei commenti qui sotto.


Avv. Alberto Bindi

 

Se sei interessato puoi scaricare la versione .pdf di questo post!


Intimazione di pagamento
.pdf
Download PDF • 93KB

Post recenti

Mostra tutti

2 comentários

Avaliado com 0 de 5 estrelas.
Ainda sem avaliações

Adicione uma avaliação
Convidado:
10 de nov. de 2023

Buongiorno. Io ho ricevuto un intimazione di pagamento riguardo alla tassa smaltimento rifiuti. Il riferimento risale all'anno 2012 ed è stata notificata l'11 giugno 2013; io ho ricevuto la lettera il 6 ottobre di quest'anno. A parte che dopo 10 anni non saprei dove trovare la bolletta pagata, (anche perché sto lontano da casa mia per motivi di lavoro) ma passato tutto questo tempo, non dovrebbe, comunque, decadere questo "eventuale" debito?

Curtir
Respondendo a

Buongiorno, direi di no.

Curtir
bottom of page