top of page

#12 La prescrizione IVA - Guida rapida...

Aggiornamento: 3 gen

Un compendio sintetico di tutto quello che c'è da sapere sulla prescrizione dell' IVA (con un software gratuito per calcolarla...)


La prescrizione IVA ... si prescrive in 5 o in 10 anni ?

L' IVA va in prescrizione dopo 5 anni ? Oppure va in prescrizione dopo 10 anni ? Queste sono alcune delle domande che probabilmente ti stai ponendo se hai trovato questo post navigando su internet.


Comprendere se un debito IVA verso l'Agenzia delle Entrate Riscossione è caduto in prescrizione è questione tutt'altro che banale perché la risposta dipende da molti parametri alcuni dei quali spesso vanno richiesti all'Ufficio.


Ad ogni modo, qui sotto, ti spiego quali sono i termini di prescrizione IVA e quand'è che puoi considerare cancellato un debito verso l'Agenzia delle Entrate Riscossione appunto per intervenuta prescrizione.


Inoltre, per aiutarti nelle tue valutazioni ho elaborato un software gratuito che, previo inserimento di alcuni imprescindibili dati di partenza, è in grado di calcolare la scadenza del termine di prescrizione e di indicare in pochi minuti se il tuo debito è prescritto oppure no (clicca su questo link per utilizzarlo, ma prima ti consiglio di leggerti tutto il post perché potrebbe esserti di aiuto nell'utilizzare il software).


INDICE


1. Cosa è la prescrizione

La prescrizione è una modalità di estinzione dei crediti che l'Agenzia delle Entrate (o gli Enti territoriali o altri enti) affida all'Agenzia delle Entrate Riscossione affinché quest'ultima appunto li riscuota; in pratica se l'Agenzia delle Entrate Riscossione non si attiva entro un determinato termine per recuperare il credito questo si estingue appunto per intervenuta prescrizione.


2. Prescrizione IVA

La prescrizione IVA inizia a decorrere in un momento successivo alla notifica della cartella di pagamento o dell'avviso di accertamento esecutivo; prima della notifica della cartella di pagamento (o dell'avviso accertamento esecutivo) non esiste un termine di prescrizione e non è corretto parlare di prescrizione; prima di tale momento, infatti, esiste soltanto un termine di decadenza e cioè un termine entro cui l'Agenzia delle Entrate (o l'Ente territoriale o altro ente) deve notificare la cartella di pagamento o l'avviso di accertamento esecutivo (altrimenti perde il potere di notificare l'atto); ma i due termini, quello di prescrizione e quello di decadenza, sono due 'cose' assolutamente diverse che non vanno confuse; in questo post parliamo soltanto dei termini di prescrizione (se vuoi approfondire i termini di decadenza leggiti questo post).


3. IVA non pagata prescrizione

Se ti è stata notificata una cartella di pagamento, oppure un avviso di accertamento esecutivo, relativa/o all' IVA hai 60 giorni di tempo per pagarla/o; a partire dal 61° giorno inizia a decorrere la prescrizione.


Facciamo un esempio: se ti è stata notificata una cartella esattoriale IVA il 3/3/2023 hai tempo sino al 2/5/2023 per pagarla (=3/3/2023 + 60 gg); se non lo fai, a partire dal giorno successivo, e cioè dal 3/5/2023, inizia a decorrere la prescrizione.


In pratica la prescrizione dell' IVA non pagata inizia a decorrere dal giorno successivo a quello in cui è scaduto il termine di pagamento.


In realtà, esistono poi ulteriori piccoli accorgimenti per calcolare esattamente il giorno di decorrenza della prescrizione: se infatti il giorno di scadenza del pagamento scade il sabato o in un giorno festivo il termine per il pagamento slitta al primo giorno successivo non festivo e, a sua volta, la prescrizione inizia a decorrere dal giorno ancora successivo; ad ogni modo, se vuoi calcolare con esattezza il termine di prescrizione prendendo in considerazione anche questi parametri puoi utilizzare l'apposito software di calcolo della prescrizione al seguente link.


l'  iva non pagata prescrizione ? siamo sicuri ...

4. Prescrizione IVA 5 o 10 anni?

Chiarito il momento da cui inizia a decorrere la prescrizione vediamo adesso quale è il termine di prescrizione dell' IVA: la prescrizione IVA secondo l'orientamento consolidato della giurisprudenza è di 10 anni (ossia decennale) ai sensi dell'art. 2946 Cod. Civ. (Cass. n. 2941/2007; Cass. n. 12715/2016).


Facciamo un esempio: se ti è stata notificata una cartella esattoriale IVA il 3/3/2023 la prescrizione, come abbiamo già visto, inizia a decorrere dal 3/5/2023; pertanto il termine di prescrizione, secondo l'orientamento consolidato della Cassazione, sarà il 3/5/2033 (=3/5/2023 + 10 anni).


5. Prescrizione IVA 5 anni

Tuttavia, esiste anche un orientamento della Cassazione assolutamente minoritario secondo cui la prescrizione IVA si verificherebbe con il decorso di soli 5 anni (Cass. n. 30362/2018).


Facciamo un esempio: se ti è stata notificata una cartella esattoriale IVA il 3/3/2023 la prescrizione, come abbiamo già visto, inizia a decorrere dal 3/5/2023; pertanto il termine di prescrizione, secondo questo orientamento minoritario della Cassazione, sarebbe il 3/5/2028 (=3/5/2023 + 5 anni).


6. Prescrizione IVA Cassazione 2023

La giurisprudenza anche recente conferma però che per l' IVA il termine di prescrizione è di 10 anni (decennale) e non di 5 anni (quinquennale) (Cass. n. 33213/2023).


Non è dunque prudente sostenere l'estinzione del debito IVA per prescrizione quinquennale perché in un giudizio questa impostazione avrebbe poche chances di 'reggere'; ad ogni modo se vuoi utilizzare il software per calcolare la prescrizione (al seguente link) selezionando l'opzione "Prudente" (consigliata) il programma effettuerà i calcoli utilizzando il termine di prescrizione decennale altrimenti selezionando l'opzione "Aggressiva" (scelta sconsigliata) utilizzerà quello quinquennale.


7. Termine prescrizione IVA

Abbiamo detto che il termine di prescrizione dell' IVA è di 10 anni (perché è assolutamente minoritaria e non attuale la giurisprudenza che ritiene applicabile il termine di 5 anni); ricordati però che le cartelle di pagamento e gli avvisi di accertamento esecutivi insieme all' IVA normalmente comminano anche sanzioni e interessi.


Ecco: le sanzioni e gli interessi correlati all' IVA si prescrivono sempre e comunque nel minor termine di 5 anni.


Facciamo un esempio: se il 3/3/2023 ti è stata notificata una cartella esattoriale relativa a IVA, sanzioni e interessi la prescrizione, come abbiamo già visto, inizia a decorrere dal 3/5/2023; pertanto il termine di prescrizione:


  • quanto all' IVA è il 3/5/2033 (=3/5/2023 + 10 anni secondo la giurisprudenza consolidata);

  • quanto alle sanzioni e agli interessi è il 3/5/2028 (=3/5/2023 + 5 anni);


Il software di calcolo (link) se indichi sia l' IVA che le sanzioni e gli interessi ti calcolerà in automatico i diversi termini di prescrizione.


8. Estinzione del debito IVA per intervenuta prescrizione

Quand'è che il debito per IVA si estingue per intervenuta prescrizione ? Il tuo debito per IVA si estinguerà se nel termine di 10 anni l'Agenzia delle Entrate non ti avrà notificato alcun atto diretto a soddisfare il suo credito (ricordati però che per le sanzioni e gli interessi vale il minor termine di 5 anni).


Riprendiamo l'esempio di poco sopra: se entro il 3/5/2033 l'Agenzia delle Entrate Riscossione non ti avrà notificato alcun atto allora il tuo debito per IVA, sanzioni e interessi sarà integralmente prescritto; se invece tu ricevessi la notifica di una intimazione di pagamento il 10/9/2029 allora si saranno estinte per prescrizione le sanzioni e gli interessi ma non l' IVA.


I più comuni atti che possono valere per interrompere la prescrizione dell' IVA sono: l'intimazione di pagamento, il preavviso di fermo di iscrizione di ipoteca e il preavviso di fermo amministrativo.


il termine prescrizione iva è molto importante


9. Prescrizione avviso di accertamento IVA

Non ha molto senso, come si legge su internet, parlare di "prescrizione dell' avviso di accertamento IVA" o di "prescrizione della cartella esattoriale IVA"; come infatti poco sopra ti ho già detto la prescrizione inizia a decorrere soltanto al 61° giorno successivo alla notifica dell'avviso di accertamento o della cartella esattoriale; la prescrizione perciò è un accadimento che determina l'estinzione del diritto di credito e che si verifica solo successivamente alla notifica di tali atti e deriva sostanzialmente dall'inattività protratta per un certo periodo da parte dell'Agenzia delle Entrate Riscossione (prima della notifica di tali atti esistono specifici termini di decadenza, che non sono oggetto di questo post).


10. Calcolo prescrizione IVA

Abbiamo detto che la prescrizione IVA inizia a decorrere il 61° giorno successivo alla notifica della cartella di pagamento o dell'avviso di accertamento esecutivo; e abbiamo anche detto che la prescrizione IVA è di 10 anni (secondo l'orientamento consolidato della Cassazione).


Sulla base di questi due parametri il calcolo della prescrizione IVA sembrerebbe essere davvero banale...


Riprendiamo l'esempio fatto poco sopra: se il 3/3/2013 ti è stata notificata una cartella esattoriale IVA la prescrizione ha iniziato a decorrere il 3/5/2013 (=3/3/2013+61 gg) e quindi il termine di prescrizione di 10 anni era il 3/5/2023; perciò, se l'Agenzia delle Entrate Riscossione entro tale data non ti ha notificato alcun atto allora l' IVA è caduta in prescrizione; la maggior parte degli articoli presenti su internet avvalora questa modalità banale per calcolare la prescrizione.


In realtà, è molto più difficile effettuare il calcolo della prescrizione IVA perché ci sono molti ulteriori parametri che devono essere presi in considerazione e valutati: si tratta in particolare di eventi che determinato:


  • l'interruzione della prescrizione e cioè nella sostanza il suo azzeramento e la sua ripartenza da capo (per esempio: la notifica di un preavviso di iscrizione di ipoteca è atto interruttivo);

  • la sospensione della prescrizione e cioè il 'blocco' della decorrenza del termine del termine che però ricomincia a decorrere a seguito di un evento successivo per la sua durata residua (per esempio, la sospensione opera tra la data della domanda di rateizzazione e la data successiva di decadenza della rateizzazione stessa);


Se vuoi avere un'idea di quanti siano i parametri da prendere in considerazione per effettuare un calcolo serio e preciso della prescrizione, o comunque se ti interessa semplicemente individuare con esattezza il termine di prescrizione applicabile al tuo caso specifico, puoi accedere a questo link per utilizzare l'apposito software di calcolo della prescrizione IVA.


11. Come si concretizza l'estinzione per intervenuta prescrizione dell' IVA ?

Se il credito IVA dell’Agenzia delle Entrate Riscossione portato dalla cartella esattoriale o dall'avviso di accertamento esecutivo si è estinto per prescrizione non è necessario ottenerne un accertamento da parte dell'Autorità giudiziaria; questo, perché la prescrizione opera ex lege (e cioè automaticamente).


Tuttavia, potrebbe accadere, e anzi normalmente accade, che l’Agenzia della Entrate Riscossione non cancelli in automatico gli importi prescritti ed anzi che agisca per la riscossione di tali importi nonostante siano appunto prescritti; in questi casi il contribuente ha interesse ad ottenere l’accertamento giudiziale dell’intervenuta prescrizione (perché altrimenti subisce l'esecuzione e cioè il pignoramento di un conto corrente oppure di un immobile, ecc...).


Nella sostanza, in presenza di vecchie cartelle esattoriali o avvisi di accertamenti esecutivi è necessario attendere che l’Agenzia delle Entrate Riscossione notifichi un atto (come per esempio un'intimazione di pagamento, un preavviso di iscrizione di ipoteca, un preavviso di iscrizione di fermo amministrativo o un pignoramento) così da proporre ricorso contro quest’ultimo davanti all’autorità giudiziaria eccependo appunto l’intervenuta prescrizione; in pratica per contestare la prescrizione non si impugna la cartella di pagamento o l'avviso di accertamento esecutivo ma un atto successivo.


Oppure quando si tratti di importi rilevanti e vi sia quindi interesse ad ottenere in tempi rapidi l’accertamento della prescrizione, è possibile presentare all’ente creditore un’istanza di annullamento in autotutela delle somme portate dalla cartella esattoriale (o dall'avviso di accertamento) e, poi, qualora l’Ente risponda in modo negativo, impugnare la risposta negativa innanzi all’Autorità giudiziaria chiedendo appunto l’accertamento dell’intervenuta prescrizione.


In ogni caso, prima di fare ricorso è necessario essere sicuri di non aver ricevuto in precedenza atti interruttivi della prescrizione (quali intimazioni di pagamento, comunicazione di iscrizioni di ipoteca o di fermi amministrativi, e così via) ed anche che la prescrizione non sia stata sospesa per effetto di qualche normativa speciale (come quella per il COVID19).


 

Se ti sei letto questo post probabilmente hai le 'basi' per provare ad utilizzare il software di calcolo della prescrizione (per accedere clicca su questo link): è sufficiente che inserisci alcuni parametri di base e ti calcolerà in pochi minuti il termine di prescrizione dell' IVA. Per oggi è tutto, spero che questo post ti sia stato utile.


Se vuoi approfondire ulteriormente gli aspetti relativi alla prescrizione leggiti questo ulteriore post.


Per oggi è tutto e come sempre spero che questo post ti sia stato d'aiuto nel compiere le tue valutazioni.


Avv. Alberto Bindi

 

Se ti interessa puoi scaricare in .pdf il testo di questo post.

12 La prescrizione IVA
.pdf
Download PDF • 117KB

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page